Risultati della Ricerca

Hai cercato: gamna
Il Collettivo Teatrale Carignanese (1977-1980)
«E noi scendiamo in piazza per polemica, per protestare contro la mancanza di tutto, anche di un teatro». Queste vibranti parole di Vincenzo Gamna condensano quasi trent’anni di storia e di fatiche del gruppo teatrale carignanese, più noto con il nome di Cantoregi, e ne costituiscono una sorta di manifesto sintetico. Per chi conosce l’opera indefessa del regista e del suo gruppo, il nesso tra il “tutto” – spazio sociale e civile di una città, vita profonda di una comunità – e il “teatro”, appare fin da subito come l’enunciato più chiaro di un progetto culturale, frutto di una lunga formazione “sul campo”, perseguito sempre con lucida coerenza: è il “teatro”, infatti, a esprimere il senso
La Cooperativa Progetto Cantoregi (1981-1988)
LE MAN VEUIDE (1981-1982) L’architetto Pietro Maria Cantoregi, nato a Varese in una non precisata data del 1700 e morto a Torino in un altrettanto ignoto anno del 1800, aveva progettato un edificio di cui rimane la memoria di alcuni disegni, solo uno dei quali autografato. La struttura, che doveva sorgere alla svolta della via Maestra verso la Porta Mercatoria, dopo il convento delle Clarisse (area prima occupata dalla manifattura Bona, ora sede del Comune di Carignano), quasi sicuramente era stata commissionata dalla Confraternita dello Spirito Santo, i «Battuti Bianchi», affinché i proventi di «recite da eseguirsi in esso di onesti temi per mezzo di recitanti cittadini» servisser
Dal rito alla sperimentazione (1990-1994)
LA TERZA FONDAZIONE (1990) Quando nel 1990 don Piero Stavarengo, il don Gioan de L’erbo dla libertà, chiede a Gamna di aiutarlo a vivacizzare le celebrazioni liturgiche della Pasqua e del Natale, si avverte un primo, significativo, spiraglio di rinascita artistica, dopo la fine malinconica seguita al Don Bosco. Nascono da questa collaborazione La vijà ed Natal nel 1990 e Ufficio delle tenebre (1991), via crucis suggestiva, vissuta dalla parte della Madonna Addolorata che, posta con tre donne su un carro trainato dai Battuti Neri, percorre le quattordici stazioni, incontrando altrettante spine dolorose del mondo contemporaneo1. Il ritorno alle scene permette di esperire nuovamente i
L'ultima Cantoregi (dal 1994)
QUARTA FONDAZIONE Nel 1994 la Cooperativa assume lo status di associazione. L’esordio della neonata compagine è segnato da Vivere. Una famiglia nel ’43, spettacolo ispirato alla Resistenza e dedicato ai martiri del Pilone Virle, nel cinquantenario dell’eccidio già celebrato in Carignan d’antan e ne La bella primavera. Nel testo del 1994 si cerca di tracciare il percorso esemplare di una famiglia disgregata dall’incalzare degli eventi della guerra, nei giorni convulsi che vanno dal 25 luglio all’8 settembre, fino all’avvio della lotta partigiana. Emerge drammaticamente, nello sviluppo di vicende e psicologie differenti, la dicotomia di due scelte opposte, legittime e dolorose: quell
Proibito invecchiare
PRIMA: Carignano, Piazza S. Giovanni, 3 settembre 1977 TESTO: Tratto dall’originale Vietato invecchiare andato in scena a Monticchiello nel 1976. Rielaborazione di Vincenzo Gamna REGIA: Vincenzo Gamna INTERPRETI: Geppe Vassarotto (l’anziano Luigi). Complessivamente cento attori in scena
Carignan d’Antan
PRIMA: Carignano, Piazza S. Giovanni, 8 settembre 1978 TESTO: Vincenzo Gamna REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Carlo Artero COSTUMI: Koji Miyazaki SCENOGRAFIA: Cornelio Pecchio INTERPRETI: Rita Fagnani (la madre), Silvana Fagnani (la fi glia), Geppe Vassarotto (barba Felice, “Geppe del bersaglio”), Nuccio Cantamutto e oltre duecento persone tra attori e fi guranti
La Passione e la Sindone di Gesù
Secondo i bambini di Carignano PRIMA: Carignano, Piazza S. Giovanni, 27 agosto 1978 TESTO: Vincenzo Gamna REGIA: Vincenzo Gamna e Koji Miyazaki SCENE E COSTUMI: Koji Miyazaki INTERPRETI I bambini di Carignano
‘Na scudela ‘d fioca
PRIMA: Carignano, Piazza S. Giovanni, 7 settembre 1979. Una nuova edizione dello spettacolo è stata effettuata Carignano settembre 1980, per consentire le riprese di ’Na scudela ’d fioca, autodramma di una città, realizzata dalla Rai nel 1980, a cura di Piero Bianucci TESTO: Vincenzo Gamna REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Carlo Artero COSTUMI: Koji Miyazaki SCENOGRAFIA: Cornelio Pecchio INTERPRETI: Lazzaro Nicola (Lazzaro Pejretti), Rita Fagnani (la signora Pejretti), Geppe Vassarotto (Geppe Pejretti) Piera Meinardi (la vedova Audiberti) e circa duecento attori di Carignano e dei comuni limitrofi Tratto da "La Stampa" “’Na scudela ‘d fioca” a Carignano Il dra
Le man veuide
IL SETTECENTO DEI CONTADINI PRIMA: Carignano, Piazza S. Giovanni, 11 settembre 1981 TESTO: Vincenzo Gamna e Aldo Longo REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Carlo Artero, Domenico Ravizza, Eraldo Sommacal COSTUMI: Lionello Genero SCENOGRAFIA: Koji Miyazaki COREOGRAFIE: Carla Galliano INTERPRETI: Piera Meinardi (la portinaia), Nuccio Cantamutto (Vittone), Orazio Ostino, Filippo Lomello e centoventi attori carignanesi Articolo tratto da "La Stampa" Un paese intero recita “Le man veuide” Epopea di straccioni nella Carignano del '700 Continua la marcia regolare di Vincenzo Gamna nella storia, le cronache, la gente di Carignano. Quattro anni, quattro spettacoli
Il Carmagnola
TRAGEDIA POVERA, DI COMICI E CONTADINI PRIMA: Carmagnola, Piazza S. Agostino, 18 giugno 1983 TESTO: Vincenzo Gamna e Aldo Longo REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Carlo Artero COSTUMI: Luigi Genero SCENOGRAFIA: Costanzo Pasquetti COREOGRAFIE: Carla Galliano INTERPRETI: Oltre cento attori di Carignano, Carmagnola, La Loggia, Orbassano, Osasio, Pancalieri, Salsasio, Villastellone, Virle. Con la voce di Edmonda Aldini Libretto 1834: il colera è giunto per la prima volta in Europa, rinnovando i non sopiti terrori delle ricorrenti, mortali epidemie di peste. Una compagnia di attori che vaga per la provincia piemontese su un carro traballante, viene bloccata, tra
La bella primavera
PRIMA: Carignano, Piazza S. Giovanni, 14 settembre 1984 TESTO: Aldo Longo , testimonianze di ex partigiani REGIA: Vincenzo Gamna.
L’erbo dla libertà
IL SETTECENTO DEI CONTADINI PRIMA: Pancalieri, 13 luglio 1986 TESTO: Vincenzo Gamna e Aldo Longo REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Gianfranco Poma, Eraldo Sommacal, Guido Tempia. Canti eseguiti dalla corale di Virle COSTUMI: Luigi Genero SCENOGRAFIA: Costanzo Pasquetti COREOGRAFIE: Carla Galliano, Giorgio Frigato INTERPRETI: Oltre cento attori Carignano, Carmagnola, La Loggia, Orbassano, Osasio, Pancalieri, Salsasio, Villastellone, Virle Libretto "... qualche volta, dagli affreschi e dai quadri, i loro visi ci fissano. Ma dai libri quasi mai ne intendi la voce. Le loro generazioni hanno formato le lingue e i dialetti che parliamo, le sintassi dei nostri pens
Don Bosco
PRIMA: Asti (Festival Teatrale), Cortile del Palazzo del Collegio, 19 luglio 1988 TESTO: Vincenzo Gamna e Aldo Longo REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Raf Cristiano e Vittorio Muò COSTUMI: Eugenio Guglielminetti SCENOGRAFIA: Eugenio Guglielminetti COREOGRAFIE: Carla Perotti INTERPRETI: Duilio Del Prete (Don Bosco anziano), Bruno Maria Ferraro (Don Bosco giovane), Dario Geroldi (Matteo), Dino Nicola (Sberla) Articolo tratto da "La Stampa Sera" Presentata ad Asti l’opera di Aldo Longo e Vincenzo Gamna Una ballata per Don Bosco Spettacolo cucito dalla voce di Duilio del Prete Una stampa antica prende forma davanti agli occhi del pubblico. Napoleone in esi
La vijà ed Natal
PRIMA: Carignano, Duomo, 24 dicembre 1990 TESTO: Vimcenzo Gamna e Aldo Longo REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Eraldo Sommacal COSTUMI: Cristina Da Rold e Silvia Nebiolo SCENOGRAFIA: Carlo Arduino COREOGRAFIE: Maria Grazia Negro INTERPRETI: Rita Fagnani, Rita Costamagna, Piera Meinardi, Elsa Abrate, Carla Ostino, Orazio Ostino, Lazzaro Nicola, Lorenzo Tonda Turo, Carlo Arduino, Paola Bertello, Renato Pautasso, Miriam Pereira
Ufficio delle tenebre
PRIMA: Carignano, Piazza S. Giovanni, 29 marzo 1991 TESTO: Aldo Longo e Vincenzo Gamna REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Eraldo Sommacal COSTUMI: Cristina Da Rold e Silvia Nebiolo SCENOGRAFIA: Carlo Arduino e Giuseppe Reale COREOGRAFIE: Maria Grazia Negro INTERPRETI: Mariangela Sardo, Elsa Abrate, Rita Fagnani (le Madri), Nuccio Cantamutto, Stefania Cappellari, Franca Pautasso (lettori)
La Malora
PRIMA: Carignano, Piazza S. Giovanni, 13 Settembre 1991 TESTO: Vincenzo Gamna e Eugenio Vattaneo, da La malora di Beppe Fenoglio REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Riccardo Allione e Eraldo Sommacal COSTUMI: Cristina Da Rold e Silvia Nebiolo, Luciana Bodda e Giuliana D’Alberto SCENOGRAFIA: Carlo Arduino COREOGRAFIE: Maria Grazia Negro INTERPRETI: Rita Fagnani (Fede), Alessandro Albanese (Agostino), Orazio Ostino (Giovanni Braida), Elsa Abrarte (Melina Braida), Dino Nicola (Tobia Rabino) Libretto La scelta di un testo come La Malora di Beppe Fenoglio, per realizzare una drammatizzazione popolare che raccontasse una storia "nostra" è stata naturalmente facile e si
Le signorine Settembre provano Il Gelindo
PRIMA: Carignano, Chiesa della Misericordia, 22 dicembre 1991 TESTO: Vincenzo Gamna e Aldo Longo REGIA: Vincenzo Gamna COREOGRAFIE: Maria grazia Negro COSTUMI: Luciana Bodda, Giuliana D’Alberto INTERPRETI: Elsa Abrate, Carla Ostino (le sorelle Pasquina e Bertilla Settembre), Orazio Ostino (Gelindo), Dino Nicola (il sacrestano), Gionni Ebianne (Erasmo), Nuccio Cantamutto (l’antiquario) Libretto Uno spettacolo per ricostruire i luoghi del passato, e perpetuarne le storie, recuperando il dialetto che muore, perché con lui non abbia a morire la memoria. Uno spettacolo per segnare un altro momento di ricerca delle ragioni del nostro presente. Uno spettacolo per favorire
Come un'ultima cena
PRIMA: Carignano, Piazza S. Giovanni, marzo 1992 TESTO: Lettura di Testimonianze REGIA: Vincenzo Gamna.
Il Freddo Silenzio
PRIMA: Carignano, Chiesa della Misericordia, 26 dicembre 1992 TESTO: Vincenzo Gamna, Marco Pautasso ed Eugenio Vattaneo, dal Decalogo di Krisztof Kieslowski REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: scelte a cura di Marco Pautasso COSTUMI: Luciana Bodda, Giuliana D’Alberto SCENOGRAFIA: Koji Miyazaki COREOGRAFIE: Maria Grazia Negro INTERPRETI: Dario Geroldi (il padre), Andrea Pezzi (Paolo), Rita Fagnani (la nonna) Libretto Un uomo razionale, un docente universitario, ripone nella scienza fiducia incondizionata di poter conoscere e controllare la realtà, e superare così la casualità che governa speso le esperienze umane. Col figlioletto Paolo, che ha dispensato da un'edu
Mandatum (in coena domini)
PRIMA: Carignano, ex Lanififi cio Bona, 9 aprile 1993 TESTO: Elaborazione di Vincenzo Gamna e Marco Pautasso, basata su testimonianze vere, rese da persone di Carignano REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Scelte a cura di Vincenzo Gamna e Marco Pautasso COSTUMI: Luciana Bodda e Giuliana D’Alberto INTERPRETI: Attori di Carignano (gli autori delle memorie), Dario Geroldi (lettore) Libretto "Ogni uomo è solo, e i nostri dolori sono un'isola deserta. Non è una buona ragione per non consolarsi, stasera, mentre si spengono i rumori della strada, con delle parole". Albert Cohen Con Mandatum, una drammatizzazione della liturgia della lavanda dei piedi, la cooperativa Proge
Camminare Insieme
PRIMA: Carignano, Piazza S. Giovanni, 18 settembre 1993. Spettacolo dedicato al 25° anno di ordinazione sacerdotale di Don Piero Stavarengo REGIA: Vincenzo Gamna INTERPRETI: Corale Carignanese, C.R.I., Gruppo Musica, Polisportiva, Società Ciclistica, Vigili Del Fuoco e la gente di Carignano
Vivere!
Una famiglia nel '43 PRIMA: Carignano, Chiesa della Misericordia, 15 aprile 1994 TESTO: Vincenzo Gamna, Marco Pautasso e Eugenio Vattaneo REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Scelte a cura di Marco Pautasso COSTUMI: Luciana Bodda SCENOGRAFIA: Koji Miyazaki INTERPRETI: Dario Geroldi (Italo), Margherita Gili (Ida), Giuliana Moschini (Jole Giarelli), Maria Rita Flesia (Orsola Calosso), Alessandra Lappano (Serena), Andrea Pezzi (Lorenzo), Alessandro Albanese (Davide Lattes), Giovanni Moretti (voce narante) Libretto "Notte in un paese / senza nome / il sole è sul confine" Nelo Risi Il dovere della memoria, perché l'oblio non avanzi. La forza della memoria, per deriv
Il giorno di S. Giacomo
PRIMA: Carmagnola, Cortile dell’oratorio “Don Bosco”, Borgo Salsasio, 27 maggio 1994 TESTO: drammatizzazione storica ideata e realizzata dal Laboratorio Teatrale del Liceo “Baldessano”, con la collaborazione della gente di Salsasio e dell’Associazione “Progetto Cantoregi” REGIA: Vincenzo Gamna INTERPRETI: Novanta attori tra studenti del Liceo “Baldessano” e abitanti di Borgo Salsasio. Libretto All'alba del 25 luglio 1944 il Borgo Salsasio si risveglia senza presagire la catastrofe imminente. La vita, se pur travagliata dalla guerra, scorre come ogni giorno scandita dalle azioni quotidiane e dal lavoro nei campi. Ma quel giorno insieme alle case, agli animali, agli ogge
Le nostre mani
UN PASSO VERSO L’INTEGRAZIONE PRIMA: Nichelino, Castello Occelli, 15 luglio 1994 REGIA: Vincenzo Gamna INTERPRETI: Quindici ragazzi coinvolti nel Progetto Area Handicap Ussl 33, nell’ambito dell’iniziativa “Teatro e altro” Libretto "Tutti gli uomini hanno un loro nodo alla scarpa, una loro cosa che non sanno fare; una loro incapacità che li lega agli altri uomini. La società si regge ormai su questa asimmetria degli uomini:è un incastro di pieni e di vuoti." Italo Calvino I quadro: Dentro II Quadro: Angeli custodi III quadro: Nihili locus "...L'inizio della storia appare allora come il compimento di un'evoluzione: da nulla in tutto." IV quadro: Boom e Babele
Nebbia
AUTODRAMMA DI EMIGRANTI PRIMA: Carmagnola (Borgo Salsasio), Oratorio di San Francesco, 30 giugno 1995 TESTO: Vincenzo Gamna, Marco Pautasso, Eugenio Vattaneo, da un’idea di Angela Inglese REGIA: Vincenzo Gamna e Koji Miyazaki MUSICHE: Fulvio Albano e Gilberto Richiero COSTUMI: Giuliana D’Alberto LUCI: Dario Sardo INTERPRETI: Centotrenta attori, soprattutto provenienti dai quartieri Salsasio e San Francesco di Carmagnola, tra cui Giacomo Ciulla (padre famiglia del sud), Maria Ruccella (madre famiglia del sud), Orazio Ostino (padre famiglia del nord), Nicola Stante (Don Andrea) Libretto "Quando arrivammo qui nell'autunno del 1963, scendemmo alla stazione di C
Una finestra sui cortili
Proposta teatrale in cinque episodi di Vincenzo Gamna, Marco Pautasso, Eugenio Vattaneo, introdotti da cinque dialoghi intitolati Ij Matarassè scritti da Aldo Longo 1) NIDIFICATE, APES… PRIMA: Carmagnola, Ex-monastero Sant’Agostino, 31 maggio 1996 TESTO: Igor Longo REGIA: Vincenzo Gamna AMBIENTE: Koji Miyazaki COSTUMI: Giuliana D’Alberto INTERPRETI: Nuccio Cantamutto (frate Crisostomo), Adriano De Andreis (padre Bernardo), Dario Geroldi (frate Goffredo), Orazio Ostino (frate Bonaventura), Nicola Stante (frate Gerolamo), Claudio Camia (frate Ademaro) 2) IL CIELO PARATO A LUTTO PRIMA: Carmagnola, Casa Cavassa, 7 giugno 1996 TESTO: Mario Monge REGIA: Vincenzo G
De Peste
QUAE FUIT IN ANNO 1630 PRIMA: Carignano, Liceo Scientifico, 18 settembre 1996. Un’edizione dello spettacolo è andata in scena nel 1998 (con esordio il 6 novembre), presso la Sala d’arte (Caserma Musso) di Saluzzo, al termine del laboratorio teatrale tenuto dalla Cantoregi presso l’I.T.C. “Denina” di Saluzzo. TESTO: proposta degli studenti del Liceo di Carignano con la collaborazione di Gamna e Pautasso da I promessi sposi di Alessandro Manzoni REGIA: Vincenzo Gamna INTERPRETI: Quarantaquattro attori in scena tra studenti, genitori e docenti della scuola Libretto L'azione drammatica si sviluppa attorno a tre storie - due di ispirazione classica ed una moderna - che si
IT 174517
PRIMA: Carmagnola (Borgo Salsasio), Area Vergnano, 14 giugno 1997. Una nuova edizione dello spettacolo dal titolo Quel viaggio è andata in scena nel 1999 a Torino presso le Officine Grandi Riparazioni delle Ferrovie dello Stato, con esordio il 14 settembre TESTO: libera riduzione da “L’Istruttoria” di Peter Weiss ad opera degl studenti del Liceo classico “Baldessano” REGIA: Vincenzo Gamna e Koji Miyazaki COSTUMI: Giuliana D’Alberto INTERPRETI: Dario Geroldi (il giudice), Franco Gambino (il rabbino), Letizia Carena (la bambina), Stefano Frea (il medico del lager), Ezio Baldini- Maurizio Borin (i nazisti), allievi e allieve del Liceo classico “Baldessano” di Carmagnola Libr
Storie di mezzanotte
PRIMA: Carignano. Cortile di palazzo Cavalchini Garofoli, 20 settembre 1997 TESTO: Vincenzo Gamna, Aldo Longo, Marco Pautasso REGIA: Vincenzo Gamna COSTUMI: Luciana Bodda, Giuliana D’Alberto INTERPRETI: Silvana Medail (Proibito invecchiare), Margherita e Silvana Fagnani (Carignan d’antan), Orazio Ostino (‘Na scudela d'fioca), Dino Nicola e Elio Petitti (Le man Veuide), Nuccio Cantamutto (Il Carmagnola), Elsa Abrate (L’Erbo dla libertà), Dino Nicola (La Malora), Maria Rosa Flesia e Orazio Ostino (Le signorine Settembre provano il Gelindo), Carla Ostino, Giuliana Moschini e Dario Geroldi (narratori)
Gocce d'acqua
PRIMA: Torino, Centro internazionale antica abbadia, 15 gennaio 1998 AUTORE: Pier Francesco Poggi REGIA: Vincenzo Gamna MUSICHE: Scelte a cura di Marco Pautasso SCENOGRAFIE: Koji Miyazaki COSTUMI: Giuliana D’Alberto LUCI: Dario Sardo SUONO: Gianfranco Poma INTERPRETI: Dario Geroldi (Garcia), Antonello Ligia (Max) Libretto Due uomini reclusi, non è dato sapere né dove, né quando, né perché. Vivono segregati in una cella - dove il tempo si disarticola, non ha più scansione - , separati dal mondo, privati dei punti di riferimento abituali, non solo spaziali.Ma invece di perdersi nello spaesamento che plana inesorabile sulle loro esistenze o di lasciarsi sopr
Il Segno
MISTERO DRAMMATICO SULLA SINDONE PRIMA: Torino, Cortile del Seminario Metropolitano, 11 giugno 1998 TESTO: Giacomo Bottino, Vincenzo Gamna, Aldo Longo, Koji Miyazaki, Marco Pautasso, da una cronaca del XVI secolo. Consulenza di don Lorenzo Savarino REGIA: Vincenzo Gamna e Koji Miyazaki MUSICHE: Gilberto Richiero COSTUMI: Giuliana D’Alberto INTERPRETI: Elsa Abrate (la badessa deposta), Alessandra Lappano (la badessa), Susanna Paisio (la novizia del dubbio), Riccardo Lombardo (il capitano), Chiara Rosenthal (la novizia del “deserto”), Daniela Calò (voce della novizia del “deserto”) Libretto Chambery, aprile 1534. Una gelida primavera. Nel convento delle Clarisse
Voci Erranti
PRIMA: Racconigi, Parco dell’ex ospedale psichiatrico, 15 giugno 2000 TESTO: Vincenzo Gamna, Grazia Isoardi, Koji Miyazaki, Marco Pautasso, con la collaborazione di Alessandro Vallarino, tratto da Graffiti della follia di Ennio De Concini e da vario materiale documentario presente negli archivi dell’ex ospedale psichiatrico di Racconigi REGIA: Koji Miyazaki AMBIENTE E LUCI: Koji Miyazaki ELAB. SONORE: Gilberto Richiero COSTUMI: Giuliana D’Alberto INTERPRETI: Trenta attori, alcuni dei quali partecipanti ad un laboratorio teatrale tenutosi con alcuni ex ospiti della struttura ospedaliera, diretto da Grazia Isoardi Libretto Voci Erranti è un piccolo progetto dram
Storia di papà
PRIMA: Savigliano, Teatro Milanollo, 3 aprile 2001 TESTO: Adattamento teatrale di Vincenzo Gamna, Koji Miyazaki e Marco Pautasso da I Sansossì di Augusto Monti. Adattamento in lingua piemontese di Antonio Tavella REGIA: Vincenzo Gamna AMBIENTE E LUCI: Koji Miyazaki ELAB. SONORE: Gilberto Richiero COSTUMI: Luciana Bodda, Rinuccia Burzio INTERPRETI: Diciassette attori con Dario Geroldi e Susanna Paisio narratori e accompagnamento musicale del gruppo Mishkalè Libretto "Noi nella vita abbiamo il padre e abbiamo Papà: il padre che ti mette al mondo, Papà che ti leva da terra, e ti tiene come cosa sua e cara. Il padre ti ha generato; ma chi ti vuol bene, e ti diverte
Bariùm
STUPEFACENTE PRIMA: Racconigi, Parco dell’ex ospedale psichiatrico, 7 giugno 2002 PROGETTO: Vincenzo Gamna, Grazia Isoardi, Koji Miyazaki, Marco Pautasso TESTI: Giorgio Cattaneo REGIA: Koji Miyazaki AMBIENTE E LUCI: Koji Miyazaki ELAB. SONORE: Gilberto Richiero e Davide La Torre COSTUMI: Luciana Bodda, Rinuccia Burzio INTERPRETI: Sessantaquattro attori in scena, alcuni dei quali partecipanti a un laboratorio teatrale tenutosi con alcuni ex ospiti della struttura ospedaliera Libretto Ogni esistenza è pensiero dell'eternità vissuto nella sua quotidiana conquista" (Edmond Jabes) Il titolo è un'invenzione linguistica, un neologismo, una sintesi verbale che
Le acque hanno i volti
PRIMA: Racconigi, Castello Reale - piazzale nord, 27 maggio 2003 PROGETTO: Vincenzo Gamna, Koji Miyazaki e Marco Pautasso REGIA: Koji Miyazaki AMBIENTE E LUCI: Koji Miyazaki ELAB. SONORE: Gilberto Richiero COSTUMI: Luciana Bodda, Rinuccia Burzio INTERPRETI: Dario Geroldi (narratore), oltre quaranta attori a interpretare i “volti” dell’acqua, la confraternita del Gonfalone e della Misericordia di Villafalletto, la Banda Musicale di Villafalletto Libretto "Le acque hanno volti, e sopra i volti affiorano burrasche, bonacce, correnti..." Erri De Luca Un'evento teatrale all'insegna dell'acqua, o meglio delle acque. La risorsa idrica, il cosiddetto "oro blu" ne è
Contàcc!
IL NOVECENTO DI UN PAESE (PRIMO ATTO 1900-1920) PRIMA: Torino, Teatro Alfa, 2004 PROGETTO: Vincenzo Gamna, Koji Miyazaki e Marco Pautasso TESTO: Giovanni Bonavia (adattamento in lingua piemontese di Vittorio Gullino) REGIA: Vincenzo Gamna AMBIENTE E LUCI: Koji Miyazaki COSTUMI: Luciana Bodda, Rinuccia Burzio INTERPRETI: Simone Cortassa (Chiaffredo), Dario Geroldi (Camillo), Orazio Ostino (Vilàn), Pierbartolo Piacenza, Igor Piumetti Libretto E' l'estate del 1920. Una mortifera epidemia influenzale, la Spagnola, miete vittime in ogni dove. Non è dunque casuale che in scena ci accolga un'inquietante impresario di Onoranze Funebri. Per misura profilatticaè stato
Il sole nascosto
PRIMA: Carmagnola, Piazza S. Agostino, 17 aprile 2004 PROGETTO: Vincenzo Gamna e Marco Pautasso REGIA: Koji Miyazaki AMBIENTE: Koji Miyazaki ELAB. SONORE: Gilberto Richiero INTERPRETI: Dario Geroldi Libretto E' una proposta teatrale che intende "celebrare la luce", indagandone quel mistero che non appartiene soltanto alla sua dimensione scientifica, ma anche a quella spirituale, a quel bisogno connaturato di ogni essere umano di provare a riemergere dall'oscurità da cui proveniamo e a cui siamo destinati. Sulla scena, la ricerca della luce diviene tentativo per afferrare il senso della vita, nella consapevolezza che luce e tenebre non sono antinomie, ma parte del
Fà che sia seta
PRIMA: Racconigi, Chiesa di San Giovanni Decollato, 13 giugno 2005 TESTO: Eric Minetto e Emiliano Poddi, da uno scritto di Mario Monasterolo REGIA: Vincenzo Gamna AMBIENTE E LUCI: Koji Miyazaki ELAB. SONORE: Gilberto Richiero COSTUMI: Luciana Bodda, Rinuccia Burzio INTERPRETI: Alessandra Lappano, Majlinda Agaj, Anita Cordasco Sul finire del ‘700 Racconigi era una città di circa 12.000 abitanti che spiccava soprattutto per essere l’indiscussa «capitale» sabauda dell’arte della seta. Vi operavano allora 33 setifici, che davano lavoro ad oltre 4000 persone e producevano poco più di un terzo della seta prodotta negli stati sabaudi. Lo spettacolo proverà dunque a riproporre q
De Senectute
PRIMA: Racconigi, Parco ex ospedale psichiatrico, 24 giugno 2005 TESTO: Vincenzo Gamna e Marco Pautasso, liberamente tratto da De senectute di Norberto Bobbio REGIA: Koji Miyazaki AMBIENTE E LUCI: Koji Miyazaki ELAB. SONORE: Gilberto Richiero COSTUMI: Luciana Bodda e Rinuccia Burzio INTERPRETI: Giovanni Moretti e gli attori dei laboratori teatrali “Centro incontro anziani” e “Voci Erranti”, diretti da Grazia Isoardi Libretto Le toccanti notazioni autobiografiche di Norberto Bobbio, le sue lucide e puntuali riflessioni sulla vecchiaia, cristallizzate nel saggio DE SENECTUTE, rielaborate drammaturgicamente ed accordate alle testimonianze emerse nel percorso labo
Il peso delle stelle
di Giovanni Bonavia, ideato e diretto da Vincenzo Gamna Libretto I solisti d'una vecchia banda musicale vengono richiamati in scena, nella luce dei nostri giorni. La loro confessione si fonde alla musica; e la musica è sangue che alimenta l'umana vicenda, il suo palpito incerto. Nel 1954 Vincenzo Gamna, giovane regista cinematografico agli esordi, realizzava un documentario sull'ultima banca musicale della cittadina di Carignano. Una musica di paese bella, sana, vera, naif, fatta da gente povera, contadini e operai. Una musica che venne uccisa dall'avvento dei juke box. Ora quel documentario si fa teatro. In scena un'anziana donna, la maestra di Paese che faceva la “copista” per
L'acerba e amara mia passione
di Giovanni Bonavia, regia Vincenzo Gamna Libretto Dio non irrompe nella Storia in modo generico ed impalpabile. Sceglie invece punti precisi, rappresi nello Spazio e nel Tempo, grumi di carne e di sangue, individui che vengono trasformati, transustanziati dalla inondazione divina. Tali sono i Mistici, pozzi offerti alla umanità assetata perché si abbeveri. Tale è anche Caterina Mattei, figlia della rude classe artigiana nella Racconigi a cavallo tra il ‘400 ed il ‘500. Cosa può cogliere il Pensiero Contemporaneo nella vicenda di Caterina? Poco, nonostante la sua potenza di accertamento ed il suo accesso illimitato alla informazione. Cosa può attingere dal pozzo della Mistica? N
Il Prete Giusto
Liberamente tratto dall'omonimo libro di Nuto Revelli di Vincenzo Gamna e Marco Pautasso, regia Koji Miyazaki Don Raimondo: Viale Aldo Demontis Voce di don Raimondo Viale: Valerio Dell’Anna Cantore ebraico: Samuel Lampronti Narratori: Irene Avataneo Chiara Bodda Marco Chiavazza Caterina Ciravegna Anita Cordasco Cristina Curti Fabio Ferrero Dario Geroldi Elide Giordanengo Germano Giordanengo Mara Ghibaudo Vincenzo Leuzzi Orazio Ostino Emanuele Romagnoli Nicola Stante Progetto e composizione Vincenzo Gamna e Marco Pautasso Elaborazioni sonore Gilberto Richiero Maestro di canto Sergio Daniele Costumi Luciana Bodda, Rinuccia Burzio e Margi Mordenti T
Delle Terre Infrante
PRIMA: 27 giugno 2009, Racconigi REGIA: Koji Miyazaki TESTO:Vincenzo Gamna, Marco Pautasso INTERPRETI:Elide Giordanengo, Anita Cordasco, Adriana Ribotta, Cristiana Soci, Daniela Gazzera, Fabio Ferrero Il rinvenimento casuale ma fortunato, in un deposito del comune di Racconigi, di un quadro di Giuseppe Augusto Levis, allievo di Delleani, raffigurante la fuga disperata di alcuni superstiti del terremoto di Messina del dicembre del 1908, è la fonte ispiratrice di questo spettacolo. La visione inattesa e folgorante di quel dipinto è la scintilla che ha acceso la nostra creatività, e che ci ha spinto ad una breve ma intensa azione teatrale. Quel quadro, oltre a fornire l'intuizi
L'opificio Immaginario
TESTO: Vincenzo Gamna, Rosalba Oletta REGIA: Vincenzo Gamna INTERPRETI: Anita Cordasco, Orazio Ostino, Dario Geroldi, Nicola Stante Libretto La storia della “fabbrica immaginaria” fondata da Cavour per dare lavoro agli esuli meridionali affluiti in Piemonte dopo i subbugli napoletani del '48. Ma che cosa mai avrebbero potuto fabbricare giuristi, economisti, generali, matematici, preti?
Elogio della Mitezza
Liberamente tratto dall'omonimo saggio di Norberto Bobbio PRIMA: Mercoledì 13 Ottobre 2010 TESTO: Giovanni De Luna, Vincenzo Gamna, Marco Pautasso REGIA: Koji Miyazaki INTERPRETI:Elide Giordanengo, Irene Avataneo, Giulia Aragno, Anita Cordasco, Bertè Bakary, Ibrahim Cissè, Vincenzo Leuzzi, Manlio Pagliero, Emanuele Romagnoli INTRODUZIONE: Giovanni De Luna Libretto Uno spettacolo per raccontare, in un'epoca dominata dall'arroganza, dalla violenza, dalla sopraffazione, una virtù dimenticata, nella sua dimensione sociale ed individuale, facendosi guidare ed ispirare dalle pregnanti pagine bobbiane. Una virtù rivoluzionaria, per certi versi, una qualità forse impresci
Ballade du Temps Jadis
LUOGO: In occasione del convegno sulle “Residenze reali europee” IDEAZIONE: Vincenzo Gamna e Marco Pautasso.
Voilà la France
LUOGO: Domenica 29 settembre 2002, in occasione di una mostra d’arte francese IDEAZIONE: Vincenzo Gamna e Koji Miyazaki.
Altre voci altre stanze
L’INVERNO A RACCONIGI TRA REALE E FANTASTICO LUOGO: Racconigi, Castello Reale, dicembre 2002 - febbraio 2003 TESTO: Vincenzo Gamna e Marco Pautasso REGIA: Koji Miyazaki AMBIENTE E LUCI: Koji Miyazaki ELAB. SONORE Gilberto Richiero Libretto Altre voci altre stanze, ispirato al noto romanzo di Truman Capote, è il titolo dell'allestimaento scenico curato da Progetto Cantoregi, che bene rappresenta l'intenzione di offrire al visitatore una percezione inedita e imprevista delle sale e degli ambienti del castello, facendone emergere una sconosciuta e affascinante identità. Lontano dai tradizionali canoni di fruizione, il visitatore si trova in uno spazio altro, un lu
Le dimore interiori
LUOGO: Racconigi, appartamenti di corte del Castello Reale CURA: Mirella Macera con Lucia Calzone e Progetto Cantoregiù ALLESTIMENTO: Vincenzo Gamnaa, Koji Miyazaki e Marco Pautasso REGIA: Koji Miyazaki ELAB. SONORE: Gilberto Richiero Libretto Viaggiare non è arrivare. Viaggiare è inseguire lo straniamento, uscire dall'abituale, dal mondo reale, esporsi all'insolito, accedere ad un mondo immaginativo, fantastico. Viaggiare è offrirsi all'esperienza dello spaesamento. Viaggiare è arrendersi all'attrazione del movimento. Perché è il viaggio stesso la meta, basta percepirlo, sentirlo accoglierlo nel suo essere senza limiti, senza confini, senza tempo. E il viaggio non è
Saudade
CANTO DELLE LONTANANZE LUOGO: Racconigi, Castello Reale CURA: Mirella Macera con Lucia Calzone e Progetto Cantoregi ALLESTIMENTO: Vincenzo Gamnaa, Koji Miyazaki e Marco Pautasso REGIA: Koji Miyazaki ELAB. SONORE: Gilberto Richiero VOCI NARRANTI: Roberto Accorsero, Dario Geroldi e Alessandra Lappano
I Cappellani del Re
PRESENZA DEL SACRO IN CASTELLO LUOGO: Racconigi, Castello Reale CURA: Mirella Macera con Lucia Calzone e Progetto Cantoregi REGIA: Vincenzo Gamna ELAB. SONORE: Gilberto Richiero Libretto "... il cappellano solleva il velo della patena in modo che S.A.R. possa indicare la particola che desidera sia consacrata". da Il servizio religioso al castello di Racconigi Nelle residenze di campagna, quindi anche nel castello di Racconigi, il primo cappellano esercitava la giurisdizione soltanto quando i reali vi soggiornavano. Durante gli altri periodi, le persone che dimoravano stabilmente nei palazzi fuori Torino dipendevano dal parroco del luogo. Il prelato di corte eserci
I fratelli Roda, compositori di giardini
LUOGO: Racconigi, sotterranei delle Serre de Le Margarie del Castello Reale Articolo tratto da "La Stampa" La Stampa-Nord Ovest , 25 settembre 2005 <>: e' il titolo della mostra inaugurata venerdi' sera, nel seminterrato delle serre, alle Margarie del castello di Racconigi. Il suggestivo allestimento del Progetto Cantoregi di Vincenzo Gamna e Koji Mjiazaky narra l'affascinante vita di Giuseppe e Marcellino Roda, due fratelli racconigesi, diventati da figli del giardiniere di corte ad architetti di giardini, direttori del parco del castello di Racconigi all'epoca del re Carlo Alberto, scrittori
Un giardino per Josephine
Un giardino per Josephine è la nuova proposta di Progetto Cantoregi e della Soprintendenza dei Beni Architettonici e Paesaggistici per la stagione invernale del Castello Reale di Racconigi. Raccoglie il testimone dai fortunati Colori di presepi napoletani in una casa di re, Altre voci Altre stanze, Le dimori interiori, Saudade, Il Giardino d’inverno e dà continuità ad un linguaggio espressivo ormai riconoscibile seppur di difficile catalogazione, che possiamo approssimativamente e per convenienza definire performance multimediale, dove le discipline artistiche sconfinano e si combinano tra loro, generando un unicum scenico che offre un’opportunità diversa e innovativa di scoperta e conoscenz
La Fabbrica delle idee 2010
Rassegna teatrale-decima edizione con il patrocinio di Fondazione Teatro Stabile di Torino, Regione Piemonte, Provincia di Cuneo, Comune di Racconigi e Comune di Carignano con il sostegno di Compagnia di San Paolo e il contributo della Fondazione CRT Dal 4 giugno al 2 luglio 2010 Ingresso: € 8. Ridotto: € 6. Gli spettacoli del 10 giugno e 2 luglio a ingresso unico: € 4 INFO: 335 8482321 (ORE 9 - 13 e 15 - 19) oppure 388 1226863 (ORE 15 -19) Tutti gli spettacoli iniziano alle ore 21.30 Direzione artistica: Vincenzo Gamna e Marco Pautasso 4 - 5 - 6 giugno, ore 21.30, Ex Ospedale Psichiatric
Passio della Resistenza
LUOGO: Racconigi, 30 aprile 2002 COMPOSIZIONE: Koji Miyazaki REGIA: Vincenzo Gamna AMBIENTE E LUCI: Koji Miyazaki MUSICHE E SUONO: Gilberto Richiero
La Fabbrica delle idee 2011
RASSEGNA TEATRALE RACCONIGI FESTIVAL undicesima edizione 5 giugno - 3 luglio 2011 - ore 21,30 Ex Ospedale Psichiatrico - Racconigi Chiesa di Santa Croce - Racconigi Teatro Comunale P. M. Cantoregi - Carignano con il patrocinio della Fondazione Teatro Stabile di Torino con il sostegno della Compagnia di San Paolo

5 - 6 Giugno - ore 21,30 Racconigi - Ex Ospedale Psichiatrico PROGETTO CANTOREGI ADDIO, MIA BELLA, ADDIO! di M. Agnese Fossati e Vincenzo Gamna regia di Vincenzo Gamna
Addio, mia bella, addio!
di M. Agnese Fossati e Vincenzo Gamna regia di Vincenzo Gamna Uno spettacolo realizzato con la scuola media B. Muzzone di Racconigi e dedicato ai 150 anni dell’Unità d’Italia, costruito su tableaux vivants che riprendono le immagini ricavate dai tabelloni didattici PARAVIA che campeggiavano sino a qualche decennio orsono in tutte le scuole italiane, e sui canti risorgimentali che raccontano l’epopea dell’unità d’Italia come quello che dà il titolo a questa proposta.
E dio mi fece donna. 1° movimento
Oratorio laico sull’8 marzo, di Vincenzo Gamna e Marco Pautasso, regia di Koji Miyazaki. (Chiesa Santa Croce- Racconigi)
E dio mi fece donna. 2° movimento
Donne che scelgono, di Vincenzo Gamna e Marco Pautasso, regia di Koji Miyazaki. Da Persefone a Rusalka, da Giuditta alla Maddalena, da Ipazia ad Hina, diversi percorsi al femminile in un gioco di rimando tra mito e storia, per raccontare drammaturgicamente i vissuti di chi ha deciso di ribellarsi, di non rinunciare, di non tacere, di resistere. (Racconigi)
Stagioni – Le fasi della conoscenza
di Maria Agnese Agnese Fossati e Giuseppe Cavaglieri, regia di Vincenzo Gamna. Spettacolo con gli studenti della locale Scuola Media ”B.Muzzone (Racconigi)
Cara moglie che tu non mi senti
di Vincenzo Gamna, Marco Pautasso e Eugenio Vattaneo. Una proposta scenica che è uno sguardo al femminile sulle “ore lunghe” della Grande Guerra. Il trauma bellico fu il detonatore di una frattura sociale e familiare, con conseguente sovvertimento dei ruoli di genere, anticipando i successivi processi di consapevolezza e emancipazione femminile. Le donne, madri e spose, divennero improvvisamente protagoniste nella sfera pubblica, assumendo un ruolo di inedita centralità nella vita del Paese. (Racconigi, Torino)
La vita non è che un’ombra che cammina
di Vincenzo Gamna, Margy Mordenti e Marco Pautasso, regia di Koji Miyazaki, in collaborazione con il Centro Diurno Cussanio del Dipartimento di Salute Mentale ASL CN1 e Scout Racconigi 1. Un verso tratto dal Macbeth di Shakespeare è il titolo individuato per un’azione scenica che si propone come un viaggio nel gran teatro umano, nella vita e nella morte, nell’odio e nell’amore, nel potere e nella libertà, nella saggezza e nella follia, nella molteplicità di situazioni e temi che vanno a comporre il mistero della vita. (Racconigi)
Il paradiso di Vincenzo (Racconigi)
Serata in memoria e in onore di Vincenzo Gamna. Tra aneddoti, ricordi, frammenti video, testimonianze, letture di brani tratti dai suoi tanti spettacoli, il tributo commosso della sua comunità che si impegna a dare continuità al suo profetico impegno progettuale di un teatro di tutti e per tutti.
Quel viaggio

Allestimento scenico di Progetto Cantoregi al castello di Racconigi
per il Giorno della Memoria 2018 in ricordo delle vittime dell’Olocausto

Inaugurazione: sabato 27 gennaio 2018, ore 17.30 I - Allestimento fino all’11 febbraio 2018
Castello di Racconigi - Salone d'Ercole (Via Francesco Morosini, 3)

Per commemorare il Giorno della Memoria, Progetto Cantoregi, che da sempre pone l'impegno civile e sociale al centro della propria ricerca espressiva, cura un nuovo allestimento scenico nel


30 anni di Cantoregi